Piccola quiche ai carciofi

Ingredienti    cena-di-san-valentino

2 rotoli di pasta sfoglia fresca
6 carciofi
50 g di pancetta a dadini
5 cucchiai di panna fresca
5 uova
100 g di gruyère grattugiato
uno spicchio d’aglio
un limone
un cucchiaio di prezzemolo tritato
burro e farina per gli stampi  Piccola-quiche-ai-carciofi_su_vertical_dyn
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale, pepe

Sbattete le uova in una ciotola con un pizzico di sale, una  macinata di pepe, la panna e il gruyère. Ritagliate dalla pasta sfoglia 6  dischi di 14 cm circa e usateli per foderare altrettanti stampini per  tartellette di 12 cm imburrati e infarinati.Distribuite i dadini di pancetta e la crema d’uova nei gusci di  pasta e infornate a 180° per 20 minuti, finché le quiche sono dorate;  fatele intiepidire nel forno spento, ma con lo sportello socchiuso, così  restano più fragranti.Pulite i carciofi, staccate le foglie esterne fino ad arrivare al  cuore, eliminate il gambo e metteteli a bagno per pochi minuti in acqua  acidulata con succo di limone. Mescolate il prezzemolo e l’aglio  tritato fine in una ciotolina.Allargate con molta delicatezza le foglie dei carciofi e  schiacciateli sul tagliere con il palmo della mano in modo da formare  una specie di fiore; salate e pepate leggermente; distribuite il trito  aromatico tra le foglie, partendo da quelle centrali. Sistemate i  carciofi su una griglia doppia, leggermente unta d’olio, in modo che  rimangano schiacciati e sia più agevole girarli; cuoceteli a fuoco  vivace, girandoli spesso, per 5 minuti.Mettete un carciofo ripieno su ogni quiche, condite con un filo  di olio crudo e una macinata abbondante di pepe e servite subito.

Rollè di tacchino con frittata

INGREDIENTIPolloTacchino_51g

800 g di fesa di tacchino in un’unica fetta
3 uova
100 g di mortadella
80 g di parmigiano
300 g di spinaci a foglia grande
100 ml di olio extravergine di oliva
un bicchiere di vino bianco
un mestolo di brodo
il succo di un limone
3 cucchiai di farina
una manciata di maggiorana fresca
sale e pepe

PREPARAZIONE

Sbattete le uova in un piatto, unite la maggiorana tritata e un pizzico di sale e pepe. Scaldate un cucchiaio di olio in una padella larga e friggeteci una frittata sottile.

Appiattite la fesa di tacchino con il batticarne, conditela con sale e pepe, coprite con la mortadella, quindi con la frittata e con 50 g di parmigiano tagliato a scagliette. Arrotolate e legate la carne con spago da cucina. Infarinate il rollè, lasciatelo rosolare in 3 cucchiai di olio, sfumate con il vino, quindi lasciate cuocere 50 minuti unendo man mano il brodo per tenerlo morbido.

Pulite gli spinaci eliminando i gambi, lessate le foglie, scolatele e allargatele su un grande piatto di portata. Spolverizzate con il parmigiano rimasto, grattugiato. Preparate un’emulsione con l’olio rimasto e il succo di limone e condite gli spinaci. Affettate il rollè, privato dello spago, e servitelo sul letto di spinaci.

Cannelloni di pesce e besciamella

INGREDIENTIcannelloni-di-pesce-e-besciamella-g

1 orata da 500 g
1 spigola da 500 g
1 merluzzo da 400 g
1 ciuffo di prezzemolo
1 gambo di sedano
1 spicchio di aglio
1 carota
1 cipolla
250 g di pasta per lasagne già stesa
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 bicchiere di vino bianco
50 g di burro
50 g di farina
sale e pepe bianco in grani

PREPARAZIONESfilettate il pesce e tenete da parte le lische. Mondate il sedano, la carota e la cipolla, tritateli molto grossolanamente e soffriggeteli con 1 cucchiaio di olio extravergine, aggiungete le lische del pesce, lasciate rosolare, poi sfumate con il vino bianco, quindi coprite con 1 l di acqua e fate ridurre della metà. Filtrate il tutto con l’aiuto di un passino. Scaldate in una padella antiaderente l’olio extravergine rimasto, lo spicchio di aglio e 3 steli di prezzemolo privati delle foglie, aggiungete i filetti di pesce e fate cuocere per circa 10 minuti fino a quando il pesce sarà completamente disfatto, pepate e spegnete il fuoco, quindi aggiungete il resto del prezzemolo finemente tritato. Tagliate la pasta in 12 rettangoli, lessateli in acqua bollente salata e scolateli. Spalmateli con il ripieno di pesce, arrotolateli e allineateli in una pirofila ricoperta con carta da forno. Fate sciogliere in una piccola casseruola il burro, aggiungete la farina, mescolate con una piccola frusta e lasciate tostare per 1-2 minuti, poi unite il fumetto di pesce preparato e, sempre mescolando, fate cuocere per circa 10 minuti. Cospargete i cannelloni con la besciamella di pesce e lasciate cuocere in forno già caldo a 200 °C per 30 minuti, finché si sarà formata una crosticina dorata sulla superficie.

Brasato al barolo 6

INGREDIENTIbrasato-al-barolo-g

1,2 kg di manzo (noce, o pezza, o girello)
2 carote
2 cipolle
70 g di pancetta (oppure di lardo rosa)
1 gambo di sedano
1 mazzetto di prezzemolo
3 foglie di salvia
1 spicchio di aglio
1 rametto di rosmarino
2 foglie di alloro
2 chiodi di garofano
3 o 4 bacche di ginepro
1 pezzetto di cannella
1 l di Barolo
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
30 g di farina
1/2 noce moscata
sale
pepe

PREPARAZIONE

Mondate tutte le verdure e gli aromi, lavateli. Tritate grossolanamente insieme le cipolle con le carote, il sedano, il prezzemolo, la salvia, l’alloro, gli aghi di rosmarino e l’aglio, quindi riuniteli in una ciotola capiente. Tagliate la pancetta (oppure il lardo) a striscioline, poi introducetela nella carne, dove avrete praticato alcune profonde incisioni. Legate la carne con uno spago da cucina per mantenerla in forma, e mettetela nella ciotola con gli odori tritati. Versate il Barolo, in modo che la carne risulti completamente immersa, profumate con una grattugiata di noce moscata, il pepe, i chiodi di garofano, la cannella e le bacche di ginepro schiacciate. Fate marinare per 24 ore in frigo, girandola ogni tanto. Scolate la carne, asciugatela tamponandola con un foglio di carta assorbente da cucina, poi salatela. Infarinatela e rosolatela a fuoco vivace in un tegame alto con l’olio extravergine, fino a quando il pezzo sarà dorato. Unite la marinata con tutte le verdure, alzate il fuoco per portare a ebollizione, poi riabbassate la fiamma e fate cuocere il brasato per circa 2 ore, girandolo di tanto in tanto. Verificate la cottura della carne infilandovi uno stecchino, che dovrà penetrare all’interno facilmente. Scolate la carne e affettatela, passate al passaverdura il fondo di cottura, quindi versatelo sulla carne e portate in tavola.

Torri al cotechino

Ingredienti

500 g Cotechinopiatto-pronto-sfondo-di-legno_dettaglio_ricette_slider_grande3
4 cu Olio Di Oliva
qb Pepe
12 ft Polenta
4 n Pomodori Maturi
qb Sale
100 g Spinaci

Preparazione

Griglia 12 dischetti di polenta gialla pronta circa 3 minuti per parte sulla bistecchiera o piastra riscaldata. Cuoci 500 g di cotechino precotto come indicato sulla confezione e taglialo a fette di 1 cm di spessore. Taglia a spicchi 4 pomodori, lavati e asciugati, condiscili con poco olio extravergine di oliva, sale e origano. Lava e asciuga 100 g di  spinacini. Disponi 1/4 di dischetti in un piatto individuale, alternandoli a pomodori, cotechino e spinacini. Chiudi con 1 dischetto di polenta, cotechino a dadini e qualche foglia di spinacino. Prepara allo stesso modo altre 3 torri.  Sbatti 4 cucchiai di olio e 1 pizzico di sale. Irrora le torri con la salsina. Spolverizza con 1 macinata di pepe e servi.

Mini calzoni feta e champignon 5

INGREDIENTIMini-calzoni-feta-e-champignon-g

500 g di pasta da pane
700 g di champignon
2 cipolle
2 spicchi di aglio
100 g di olive nere denocciolate
200 g di feta
un pizzico di peperoncino
4 steli di erba cipollina
2 rametti di timo
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale e pepe in grani

PREPARAZIONE

Eliminate con un coltello le parti terrose del gambo degli champignon, poi lavateli velocemente sotto un getto d’acqua e asciugateli, quindi tagliateli a tocchetti. Mondate le cipolle e tagliatele a dadini. Lasciate appassire le cipolle e l’aglio mondato e tritato, in una padella con 2 cucchiai di olio, unite le olive, i funghi, il peperoncino in polvere, salate e pepate. Sbriciolate la feta, schiacciando il formaggio con una forchetta e aggiungendo un po’ di olio, unite la crema di formaggio nella padella con i funghi insieme all’erba cipollina tagliata finemente e alle foglie tritate del timo. Cuocete per 3 minuti. Stendete la pasta a uno spessore di 2 mm, poi tagliatela in rettangoli larghi circa 18 cm, disponete il ripieno di funghi e feta in piccoli mucchietti disposti sulla parte bassa del rettangolo, poi coprite il ripieno con il lembo di pasta libero. Aiutandovi con un tagliapasta del diametro di 10 cm, tagliate i calzoni a mezzaluna e, con i rebbi di una forchetta, fate pressione sul lato per incollarli. Spennellate leggermente di olio i mini calzoni e passateli in forno già caldo a 230 °C per circa 15 minuti. Sfornateli e serviteli caldi o tiepidi.

Zenzero, radice di salute

NX-C-ALI-ART-370369-shutterstock_113391535-370315Fresco o essiccato, lo zenzero viene da sempre utilizzato per le sue proprietà antiossidanti e antitumorali. Ma non solo.Alleato delle donne incinte, amico di chi vuole mantenere la linea o di chi ha problemi di stomaco. Lo zenzero ha più di una proprietà e spesso viene consumato solo per il suo sapore leggermente piccante e fresco.
Pianta erbacea ( Zingiber officinale) originaria dell’Estremo Oriente e coltivata in tutta la fascia tropicale e subtropicale, contiene olii essenziali, gingeroli (a cui deve il suo secondo nome ginger) e shogaoli – principi responsabili del sapore pungente – grazie ai quali la radice viene largamente utilizzata come spezia in forma essicata o fresca a fettine.
PIACERI D’ORIENTE IN SPA
Le cucine di tutto il mondo amano lo zenzero: da quella giapponese in cui è normalmente servito in forma caramellata con il sashimi. Nelle varie cucine indocinesi è spesso utilizzato nella preparazione di zuppe e piatti con salse. Il rizoma fresco, con l’ebollizione, consente la coagulazione del latte come altre sostanze di origine animale o vegetali (caglio) ed è largamente impiegato anche nella preparazione di tisane. E’ tra gli ingredienti della bevanda analcolica nota come ginger ale e in una varietà del cioccolato modicano. In Italia rientra tra gli ingredienti (sotto nome di gengiovo) della manifattura dolciara fiorentina di età medievale, così come attesta la sesta novella dell’ottava giornata del Decameron di Boccaccio.
Lo zenzero ha accertate proprietà antiossidanti oltre che proprietà antitumorali, specie in caso di tumori al colon. E il suo effetto termogenico fa bruciare calorie. Ma non è finita qui: la radice ha proprietà aromatizzanti, digestive, stimolanti e antireumatiche. Oltre a prevenire i gas intestinali, lo zenzero aiuta ad alleviare nausee, mal di testa, mal di stomaco e di denti, stitichezza e colite. E’ infatti noto che la pianta aiuti ad accrescere la flora batterica intestinale.
A tavola viene utilizzato lo zenzero fresco o in polvere per aromatizzare zuppe, pesce, verdure e dolci. Il pan di zenzero ( gingerbread) è un impasto per biscotti a base di zenzero, cannella, chiodi di garofano, noce moscata, tipico di Inghilterra, Stati Uniti e Nord Europa, particolarmente nel periodo natalizio. Inoltre è alla base della preparazione di liquori, sciroppi e birra. E nella cucina indiana entra nella composizione del curry.
Non tutti sanno che lo zenzero può essere semplicemente “grattugiato” fresco su paste e secondi piatti di carne e pesce. Basta eliminare la buccia esterna (simile a quella della patata). O che può essere utilizzato al posto del miele in bevande calde o fresche come le centrifughe di frutta e verdura. Se invece si vuole fare il pieno di vitamine, è possibile aggiungere lo zenzero a succhi di mirtillo o spremute d’arance.

Rotolo di pollo porri e patate 7

INGREDIENTI

300 g di pasta sfoglia già stesa   PolloTacchino_49g
400 g di patate
100 g di petto di pollo
30 g di fegatini di pollo
50 g di burro
un cucchiaio di Cognac
un uovo intero
un tuorlo
un cucchiaio di panna
200 g di porri
sale e pepe

PREPARAZIONE

Sbucciate le patate e affettatele sottilmente. Pulite e tritate i fegatini e rosolateli in una casseruolina con una noce di burro. Bagnate con il Cognac e lasciate cuocere ancora per qualche minuto.Pulite i porri, eliminate la parte verde, tagliateli a rondelle e fateli stufare nel burro rimasto. Lessate il petto di pollo per 10 minuti in acqua bollente. Scolatelo, sminuzzatelo e frullatelo con i fegatini al Cognac. Unite l’uovo intero, la panna e un pizzico di sale e pepe. Lavorate per ottenere un composto morbido e uniforme.Coprite la pasta sfoglia con uno strato di porri, spalmate con il composto di pollo e ricoperte con gli altri porri. Sistemo le patate sopra i porri, quindi avvolgete la pasta sfoglia formando un rotolo. Disponete il rotolo in una teglia, spennellatelo con il tuorlo leggermente sbattuto e fate cuocere nel forno caldo per 25 minuti.